Stampa
PDF

 

Farsi pane e parola

Sorella Maria - Bose

7 agosto 2017


1 In quel tempo 13 Gesù partì su una barca e si ritirò in un luogo deserto, in disparte. Ma le folle, avendolo saputo, lo seguirono a piedi dalle città. 14 Sceso dalla barca, egli vide una grande folla, sentì compassione per loro e guarì i loro malati.
15 Sul far della sera, gli si avvicinarono i discepoli e gli dissero: «Il luogo è deserto ed è ormai tardi; congeda la folla perché vada nei villaggi a comprarsi da mangiare». 16 Ma Gesù disse loro: «Non occorre che vadano; voi stessi date loro da mangiare». 17 Gli risposero: «Qui non abbiamo altro che cinque pani e due pesci!». 18 Ed egli disse: «Portatemeli qui». 19 E, dopo aver ordinato alla folla di sedersi sull'erba, prese i cinque pani e i due pesci, alzò gli occhi al cielo, recitò la benedizione, spezzò i pani e li diede ai discepoli, e i discepoli alla folla. 20 Tutti mangiarono a sazietà, e portarono via i pezzi avanzati: dodici ceste piene. 21 Quelli che avevano mangiato erano circa cinquemila uomini, senza contare le donne e i bambini.
Mt 14,13-21

Gesù ha appena ricevuto la notizia dell’assassinio di Giovanni il Battista. E’ una notizia tremenda per lui. Giovanni è il suo maestro e amico, che Gesù amava e stimava al punto di dire di lui che era il più grande tra i nati da donna. Di lui dirà anche: ”Hanno fatto di lui ciò che hanno voluto”, anche presentendo nell’ingiustissima sorte di Giovanni il segno profetico della propria. Gesù ha dunque bisogno di stare solo, un compito umano necessario per piangere, pregare, pensare, perché quell’evento lo ferisce, e lo istruisce, nell’intimo. E si ritira in disparte.
Ma quando scopre che la folla lo ha seguito, subito rinuncia al suo sacrosanto diritto di stare solo, e si sottomette alla situazione. E il vangelo ci dice il perché: perché sentì compassione per loro. Questa annotazione è capitale: il Vangelo è la narrazione di come Gesù ci ha narrato il Dio d’Abramo e d’Israele, e sappiamo che per Gesù la compassione è al cuore dell’intenzione di Dio in tutto ciò che ha fatto e detto.
La compassione spinge Gesù a fare ciò che è in suo potere per servire questa gran folla di persone, curando i loro malati, consolando così loro e i loro cari. Nel testo parallelo di Marco si dice che la stessa commozione lo spinse a predicare loro a lungo, come probabilmente qui è sottinteso. Parlare loro del Regno di Dio che si è avvicinato con lui, e curare i malati ascoltandone i mali, sono i suoi due modi ordinari di prendersi cura delle persone, e sono anche quelli che darà come mandato ai suoi discepoli. Tanto più ora che, dopo la morte di Giovanni, le vede come pecore senza pastore.
E quando i discepoli sollecitano Gesù a lasciar andare la folla a procurarsi da mangiare, Gesù li sorprende dicendo loro: “date voi stessi loro da mangiare”. Sappiamo come va a finire questo episodio. Ma dobbiamo essere attenti a cosa viene detto. Il vangelo non riferisce nulla di straordinario, o meglio, nulla di ciò che noi siamo portati a chiamare miracolo, e questo viene confermato dal silenzio della folla, della quale non ci è riferito nessuno stupore o confessione di lode e di fede. L’azione che Gesù compie è spezzare i pani. Gesù non li moltiplicò, ma dopo averli spezzati, li divise tra tutti. Il gesto di spezzarli e condividerli, distribuendoli ha reso i pani sufficienti per tutti. Questo è il miracolo, la condivisione del poco che si ha, alla quale il Vangelo ci invita rivelandoci che questo gesto è alla nostra portata come discepoli di Gesù. L’episodio narrato è un segno, il segno che Gesù, per sfamare la folla umana sempre affamata di pane e di parola, di pace e di senso, si fa pane per noi e per tutti. Che la sua vita intera, e non solo la sua morte e resurrezione, vissuta nella libertà e per amore nostro e del mondo, è il vero cibo per la nostra vita. E’ un segno eucaristico questo spezzare il pane, in cui il centro non è ciò che succede al pane ma Gesù che si fa pane per noi. La sua vita vissuta a nostro favore è per noi il pane della vita. Tutto ciò che nell’A.T. si dice della Parola di Dio, che è pane, acqua, luce, salvezza, e forza, doni che solo il Signore Dio può donare, i Vangeli lo dicono di Gesù, la Parola di Dio fatta uomo in mezzo a noi, e che si dona a noi come parola e come pane.

Newsletter
Dicembre 2017

NL-novembre17

Temi di PU 
(pastorale universitaria)

temi di PU

 Il Vangelo
del giorno
(Monastero di Bose)

Lezionario 1

Sinodo sui giovani 
Un osservatorio
Commenti. riflessioni, proposte  

sinodogiovani

Temi 
«generatori»
Pastorale e spiritualità giovanile

inprimopiano

invetrina2

Storia "artistica"
della salvezza 

agnolo bronzino discesa di cristo al limbo 1552 dettaglio2

I cammini
Un'esperienza di pellegrinaggio 
per i giovani

via-francigena

Per accompagnare
i cammini
Lo zaino del pellegrino giovane

vie

Percorsi geografici
culturali e religiosi
Lettere da ogni parte del mondo

percorsiruozi

Newsletter NPG



Ricevi HTML?

PGNEWS

stampa

Lo zibaldone. 
Di tutto un po'
Tra letteratura, arte e pastorale...

zibaldone

rubriche

Società, giovani 
e ragazzi
Aspetti socio-psico-pedagogici  

ragazziegiovani

Sussidi e materiali 
x l'animatore in gruppo 
 

cassetta

LIVE

webtvpic

Il numero di NPG 
in corso
Dicembre 2017

cop8-2017

Progettare PG

progettare

novita

ipad-newspaper-G

NPG: appunti 
per una storia

2010 SDB - NPG Logo 02 XX

Le ANNATE di NPG 
1967-2018 
 

annateNPG

I DOSSIER di NPG 
(dall'ultimo ai primi) 
 

dossier

Le RUBRICHE NPG 
(in ordine alfabetico)
Alcune ancora da completare 
 

Rubriche

Gli AUTORI di NPG
ieri e oggi 

pennapennino

Gli EDITORIALI NPG 
1967-2018 
 

editorialeRIDOTTO

INDICI NPG
50 ANNI
 
Voci tematiche - Autori - Dossier

search

VOCI TEMATICHE 
di NPG
(in ordine alfabetico) 
 

dizionario

I LIBRI di NPG 
Giovani e ragazzi,
educazione, pastorale
 

libriNPG

I «QUADERNI» 
dell'animatore

quaderni

 

Alcuni PERCORSI 
educativo-pastorali in NPG
 

percorsi

I SEMPREVERDI 
I migliori DOSSIER di NPG 
 

vite N1

NOTE'S GRAFFITI 
Materiali di lavoro
con gruppi di ragazzi e adolescenti 
 

medium

SOCIAL AREA

 
socialareaok2 r1_c1_s1 socialareaok2 r1_c2_s1 socialareaok2 r1_c3_s1 socialareaok2 r1_c4_s1

Contattaci

Note di pastorale giovanile
via Marsala 42
00185 Roma

Telefono: 06 49 40 442

Fax: 06 44 63 614

Email

MAPPE del SITO 
per navigare con una bussola

mappesito

PROGRAMMAZIONE
NPG 2018

programmazione

La DOTTRINA SOCIALE 
della Chiesa

dottrina

Le INTERVISTE: 
PG e...

interviste

cospes vis tgs cnosfap cgs cnosscuola scsOK1 cnossport
Salesiani di Don Bosco Figlie di Maria Ausiliatrice editrice elledici università pontificia salesiana Servizio nazionale di pastorale giovanile Movimento Giovanile Salesiano salesitalia Mision Joven Dimensioni Mondo Erre DonBoscoland Scritti di Don Bosco ans bollettino
LogoMGSILE valdocco missioni missionitv asc exallievi vcdb mor ICC icp ILE ime ine isi