Stampa
PDF

 

Io sono

il buon Pastore! (Gv 10,1)

Solo chi ama, conosce davvero

Quarta domenica di Pasqua A

Franco Galeone *

buonpastore

“Io sono venuto perché abbiano la vita, in abbondanza”. Questa conclusione illumina tutto il brano, che possiamo dividere in due quadri: nel primo, Gesù parla del pastore e del ladro (vv. 1-6); siccome i suoi interlocutori non comprendono che Gesù parla di sé stesso, nel secondo quadro, egli si definisce chiaramente “la porta delle pecore” (vv. 7-10). I vangeli non vogliono tanto raccontare dei fatti, quanto rivelare il loro significato profondo; gli evangelisti non sono dei cronisti ma dei teologi. In questo brano, Gesù viene presentato come buon pastore: egli è punto di passaggio obbligato per arrivare alla salvezza; egli è la porta, cioè il sacramento fontale da cui ci viene ogni grazia. In una parola egli è la nostra pasqua (passaggio): è per Lui che la vita ci viene da Dio, è per Lui che la nostra preghiera sale a Dio.

Pastore buono, anzi, unico!

Un mio amico non riusciva a trovare nessuno disponibile, anche offrendo una buona paga mensile, a pascolargli il gregge. Vita dura quella del pastore! Allontanarsi per settimane, non vedere che pecore e pascoli! La loro vita è amara più che dolce, sofferta più che goduta, penosa più che bucolica. Non occorre andare in Israele; anche il nostro Sud ci offre ancora pezzi di questo mondo primordiale. Chi accetta questo lavoro, finisce per affezionarsi agli animali: le lunghe giornate e nottate trascorse insieme fanno sì che il pastore si senta più un padre che un padrone. Queste realtà il Signore le conosceva bene, come i suoi ascoltatori, popolo nomade e dedito sulla pastorizia; le sue parole non erano nuove, come forse a noi moderni. Gesù, buon pastore! Non pensiamo alle statuine di gesso, a Gesù con la boccuccia a ciliegia, e l’agnellino sulle spalle, simile a un batuffolo di cotone. Se leggiamo Giovanni con attenzione, ogni leziosaggine scompare, il linguaggio diventa ruvido: “E’ un ladro e un brigante … Il ladro viene per rubare, uccidere, distruggere”. Ma è presenta anche tanta tenerezza: “Chiama le sue pecore una per una, e le conduce al pascolo”. Gesù dice una frase forte: “Quanti sono venuti prima di me, sono tutti ladri e briganti”. Frase che non si potrebbe ripetere in un salotto o in una università; ma nella sostanza la frase resta vera. Quante voci ci hanno chiamato, prima e dopo quella di Cristo, da quella di Socrate e quelle dei “nuovi filosofi”. Non erano certo ladri e briganti, però solo il Cristo ha data la sua via per me, per ognuno di noi. Siamo pecore? Che importanza ha? Siamo pecore tutti; tutti facciamo parte di qualche gregge o tribù o circolo o gruppo o Chiesa o, Dio non voglia, di qualche branco. Il gregge di Gesù non rende schiavi, non porta al vizio e alla rovina. Buon pastore? Forse molto meglio dire: pastore unico!

Solo chi ama, conosce davvero

A nessuno piace essere paragonato a un gregge, a una pecora, tuttavia l’immagine della pecora suggerisce bene la nostra condizione: siamo privi di qualsiasi difesa contro il lupo rapace. Ciò che viene messo in luce con l’immagine del pastore è la totale offerta del Cristo, e non la incosciente docilità delle pecore. Cristo non invita a rinunciare a se stessi o a praticare una cieca sottomissione; non è un populista che manipola le folle, né uno sciamano o un carismatico fanatico; e non è d’accordo con tanti di noi che vogliono un gregge chiuso e obbediente: egli va in cerca delle pecore lontane o smarrite. Cristo vuole che noi lo conosciamo come egli si conosce, come il Padre lo conosce. Tale esigenza ci spaventa; anche nella migliori famiglie è raro conoscersi veramente; pensiamo che sia pericoloso. Chi oserebbe dire: “Mia moglie conosce me come io conosco mia moglie”? I genitori vogliono conoscere tutto dei figli, ed è anche giusto, e se anche i figli conoscessero tutto del padre e della madre? Quanti schermi, quanti silenzi, quante parole non si dicono più perché è meglio tacere, perché non saremmo capiti. Bisogna veramente amare per desiderare di mostrarsi come siamo, con le nostre odiose colpe, i nostri vergognosi pensieri, e con quello strano resto di innocenza che ancora è presente in ognuno di noi. Sappiamo che il Signore ci conosce bene, ma di questo abbiamo più timore che gioia; dal catechismo sappiamo che Dio vede tutto (il famoso occhio nel triangolo!), e pensiamo quasi di essere spiati e condannati, invece di pensare che ci segue per aiutarci. E’ questo l’unico lavoro degno di un padre e di un Dio; è questo il primo articolo della nostra fede: “Credo in Dio, padre onnipotente”, cioè sempre pronto a perdonare, a dare fiducia, ad accogliere ogni figlio prodigo e dissoluto!

Il Signore è il mio pastore, nulla mi manca!

Proviamo, davanti a queste parole, un senso di pace e di sicurezza. Ci sono pastori che mungono, tosano, macellano, divorano le pecore, senza pietà. Del tutto diverso è Gesù! E noi? Siamo tutti un gregge sereno, in cammino verso i pascoli eterni? Sappiamo distinguere tutti la voce del “buon” pastore da quella dei ladri sfruttatori, che stravolgono in merce e in affare la vita e la morte stessa, con i loro traffici iniqui? Attorno a noi, in questo zoo umano, sentiamo ruggiti e ululati; Machiavelli stesso raccomandava al “principe” di essere “lione” e “golpe”, ma poteva anche aggiungere serpente e iena. Non è facile, ma è necessario distinguere la voce del Vangelo, l’insegnamento del Maestro: solo Lui ci potrà salvare. Oggi non è facile parlare del papa, dei vescovi, dei sacerdoti in termini di pastori. Molte deformazioni storiche gravano sull’immaginario collettivo dei credenti. Il papa, per esempio, da molti non è visto come il centro di unità per tutta la Chiesa, ma come un capo politico, un astuto diplomatico, un monarca assoluto. Il vescovo non è visto come il centro della Chiesa locale, il padre e il maestro della famiglia diocesana, ma come un solenne dignitario, un alto funzionario. Il parroco e i sacerdoti non sono visti come i pastori dedicati al loro popolo, ma come i burocrati che curano delle pratiche, o i potenti cui chiedere raccomandazioni. I fedeli hanno anche ragione quando si mostrano esigenti e critici verso i loro pastori, ma devono anche manifestare loro affetto e obbedienza. La Chiesa, anche se sbaglia, resta una madre! Il cardinale Newman, convertitosi dall’anglicanesimo al cattolicesimo, ebbe molto a soffrire perché odiato dai protestanti e incompreso dai cattolici; portò la sua croce in silenzio; occorre imparare a “morire come grano nel campo della Chiesa, e non come ribelli rivoluzionari davanti alla sua porta” (K. Rahner). La differenza tra Martin Lutero e Francesco è solo e tutta nell’obbedienza: Lutero si è messo contro il papa, ha preteso la conversione degli altri, ha spaccato in due l’Europa; Francesco ha convertito se stesso, e “sua dura intenzione ad Innocenzo aperse / e da lui ebbe primo sigillo a sua religione”. Buona Vita!

* Gruppo Biblico ebraico-cristiano

Newsletter
Aprile-maggio
2017

NLaprile-maggio2017

invetrina2

I cammini
Un'esperienza di pellegrinaggio 
per i giovani

via-francigena

Per accompagnare
i cammini
Lo zaino del pellegrino giovane

vie

Sinodo sui giovani 
Un osservatorio
Commenti. riflessioni, proposte  

sinodogiovani

Storia "artistica"
della salvezza 

agnolo bronzino discesa di cristo al limbo 1552 dettaglio2

Con o senza Te
#nonèlastessacosa
Proposta pastorale MGS 2016-17 
 

tornarea

Interpellati 
da Gesù

interpellatidagesu

Società, giovani 
e ragazzi
Aspetti socio-psico-pedagogici  

ragazziegiovani

L'educatore
competente
 
Formazione e spiritualità
 

educatore competente

Istituzioni, luoghi, 
contesti educativi 
 

cittaeducativa

Santi e testimoni 
di ieri e di oggi
Proposta di un cammino spirituale 
 

Icona Martiri2016

Educazione 
e bellezza 
 

educazione bellezza

Sussidi e materiali 
x l'animatore in gruppo 
 

cassetta

Newsletter NPG



Ricevi HTML?

PGNEWS

stampa

NPG: appunti 
per una storia

2010 SDB - NPG Logo 02 XX

Lo zibaldone. 
Di tutto un po'
Tra letteratura, arte e pastorale...

zibaldone

rubriche

Le 10 Parole 
(Ravasi, RadioRai,
Di Sante)

tavoledellalegge

Pedagogia 
interculturale

pedagogia interculturale

 Frammenti di fede
nel quotidiano
Dio, Cristo, Maria. Chiesa
 

fedenelquotidiano

I giovani 
e Maria
Comprensione e devozione cristiana

mariadinazareth

Corporeità e
pastorale giovanile

corporeita

Educazione 
e mistica

meistereckhart

Formazione 
(giovani) animatori

giovani -_pastorale_giovanile_animatori

Educare
alla Costituzione

costituzione

Le interviste: 
PG e...

interviste

LIVE

webtvpic

Il numero di NPG 
in corso
Aprile - Maggio 2017

00NPGcoveraprilemaggiohomepage

novita

ipad-newspaper-G

Le ANNATE di NPG 
1967-2017 
 

annateNPG

I DOSSIER di NPG 
(dall'ultimo ai primi) 
 

dossier

Le RUBRICHE NPG 
(in ordine alfabetico)
Alcune ancora da completare 
 

Rubriche

Gli AUTORI di NPG
ieri e oggi 

pennapennino

Gli EDITORIALI NPG 
1967-2017 
 

editorialeRIDOTTO

INDICI NPG
50 ANNI
 
Voci tematiche - Autori - Dossier

search

VOCI TEMATICHE 
di NPG
(in ordine alfabetico) 
 

dizionario

I LIBRI di NPG 
Giovani e ragazzi,
educazione, pastorale
 

libriNPG

I «QUADERNI» 
dell'animatore

quaderni

 

Alcuni PERCORSI 
educativo-pastorali in NPG
 

percorsi

I SEMPREVERDI 
I migliori DOSSIER di NPG 
 

vite N1

NOTE'S GRAFFITI 
Materiali di lavoro
con gruppi di ragazzi e adolescenti 
 

medium

Un percorso di spiritualità
per giovani

spirit-giovanile

Teologia e antropologia 
per la pastorale
Contributi NPG dal 1996 al 2016 
 

statuetta-buon-pastore

Cantieri
dell'anima
Piste educative estemporanee

cantieredellanima

Temi biblici
per la PG
e la spiritualità
 

bibbia-rubriche

Alla scuola
di Gesù
Percorsi di Giubileo

allascuoladigesu

Semi di
spiritualità
Il senso nei frammenti

spighe

 

Maestro, 
dove abiti?

merc28mag

Itinerari 
di educazione  
alla fede

Sentiero 02

Temi 
«generatori»
Pastorale e spiritualità giovanile

inprimopiano

Imparare
a pregare
Obiettivi, metodi, esperienze

lorante

Vocazione,
vocazioni
Nella Chiesa, per il mondo

vocazione

Interiorità
questa inattuale
L'educazione del e dal profondo

reiki 02

PG per la vita 
e la speranza
Un approccio «scientifico» alla PG

giov

Amore 
giovane
Temi di pastorale del fidanzamento

giovani-amore-internet

Educazione 
alla virtù

virtu

SOCIAL AREA

 
socialareaok2 r1_c1_s1 socialareaok2 r1_c2_s1 socialareaok2 r1_c3_s1 socialareaok2 r1_c4_s1

Contattaci

Note di pastorale giovanile
via Marsala 42
00185 Roma

Telefono: 06 49 40 442

Fax: 06 44 63 614

Email

MAPPE del SITO 
per navigare con una bussola

mappesito

PROGRAMMAZIONE
NPG 2017

programmazione

La DOTTRINA SOCIALE 
della Chiesa

dottrina

Le INTERVISTE: 
PG e...

interviste

cospes vis tgs cnosfap cgs cnosscuola scsOK1 cnossport
Salesiani di Don Bosco Figlie di Maria Ausiliatrice editrice elledici università pontificia salesiana Servizio nazionale di pastorale giovanile Movimento Giovanile Salesiano salesitalia Mision Joven Dimensioni Mondo Erre DonBoscoland Scritti di Don Bosco ans bollettino
LogoMGSILE valdocco missioni missionitv asc exallievi vcdb mor ICC icp ILE ime ine isi