Il venerdì santo,

la vittoria degli sconfitti

Giorgio Vittadini

Nel minimalismo della "società senza mistero", la vita sembra ritmata in bianco-nero: o sei un perdente o un vincente. Come se la vita non fosse una sequenza continua di cadute e di corse a testa alta, di vittorie e di sconfitte, di dolori e di gioie, di successi e insuccessi, dove le chance non sono due, ma continue e quasi infinite. Cosa dire però dei vinti, di coloro per cui l'esistenza sembra riservare solo dolore e mancanza di senso? I morti di tutte le guerre, non i generali o i comandanti, ma i militi ignoti di tutti gli eserciti, gli umili, trascinati a combattere guerre per difendere il loro paese o solo per la cupidigia di ricchi e potenti. Quegli anonimi soldati di trincea immortalati da capolavori come il romanzo di Erich Maria Remarque Niente di nuovo sul fronte occidentale; i tantissimi bambini sacrificati, ben simboleggiati dal protagonista dell'Infanzia di Ivan di Andrej Tarkovskij. E poi gli innumerevoli morti di stenti, carestia, epidemie e povertà di tutte le epoche, nei posti più disparati del mondo, a volte dimenticati dalla storia, altre volte immortalati nelle pagine di autori di tutti i tempi, come quella che racconta di Cecilia dei monatti ne I Promessi Sposi. E ancora, tutti i deportati, fatti schiavi fin dall'antichità, costretti a costruire immensi edifici per gli imperatori cinesi, piramidi per i faraoni, a lavorare nelle piantagioni americane di cotone. E gli emigrati di ogni continente, costretti a lasciare il loro paese per sopravvivere, molti dei quali senza fortuna, come i piemontesi morti nel naufragio del Principessa Mafalda del 1927 al largo del Brasile, o come tutta la povera gente che muore oggi, quasi ogni giorno, nel Mediterraneo, nella nostra crescente indifferenza. E chi rimane travolto dalle immani tragedie naturali che il progresso non può fermare: dagli oltre 100.000 morti nel terremoto di Messina del 1908, ai 250.000 dello tsunami asiatico del 2004.
Per non parlare del dolore anonimo, della sconfitta individuale di chi si trova improvvisamente senza lavoro, o viene colpito da malattie senza scampo, o che deve supportare un suo caro in queste situazioni.
Che ne è di tutti i vinti della storia, di quel dolore dimenticato di tanti? Che ne è di quel grido immortalato ne I fratelli Karamazov, contenuto nelle parole di Ivan quando ricorda il bambino sbranato dai cani per l'immensa cattiveria del padrone?: "Ascolta: se tutti devono soffrire per comprare con la sofferenza l'armonia eterna, che c'entrano qui i bambini? Rispondimi, per favore. È del tutto incomprensibile il motivo per cui dovrebbero soffrire anche loro e perché tocca pure a loro comprare l'armonia con le sofferenze. [...] Finché c'è tempo, voglio correre ai ripari e quindi rifiuto decisamente l'armonia superiore. [...] E se la sofferenza dei bambini servisse a raggiungere la somma delle sofferenze necessaria all'acquisto della verità, allora io dichiaro in anticipo che la verità tutta non vale un prezzo così alto".
Il grido di Ivan non ha mai smesso di vibrare nell'aria della storia. Una domanda urlata a un Mistero troppo grande per essere sondato.
Insieme a questo dramma supremo, qualcos'altro non ha mai smesso di accompagnare la vita degli esseri umani: altri uomini per i quali non solo questi dimenticati non erano dei "nessuno", ma valevano al punto da sacrificare l'esistenza per loro.
Dai santi anonimi che durante le due pestilenze del secondo e terzo secolo hanno speso la vita per alleviare le sofferenze dei malati, a san Pietro Clavier che passa giorni e notti in viaggio con gli schiavi incatenati, a san Vincenzo, che inventa le forme moderne di assistenza, a San Camillo che umanizza gli ospedali, a san Giovanni di Dio che comincia a guardare come esseri umani i malati mentali, a santa Francesca Cabrini che si dedica agli immigrati in America, a don Orione che passa tre anni tra i terremotati di Messina, a don Gnocchi che conforta i nostri alpini che muoiono nella ritirata di Russia, fino a Madre Teresa tra i diseredati di Calcutta e a tanti missionari nelle periferie del mondo. La storia è anche un mare di carità.
Presi da un grande amore, questi santi, come Cristo, hanno dato la vita per mostrarLo, perché tutti questi anonimi sconfitti della storia potessero intravvedere la speranza dalla croce. E tutto quel darsi da fare per gli altri sarebbe un impotente grido pascoliano di fronte all'uomo vinto dal dolore, se non ci fosse un uomo che ha detto: "Beati quelli che sono nel pianto, perché saranno consolati".
In questo mondo, la storia degli uomini, nel suo alternarsi di successi e insuccessi, c'è un'armonia nascosta da scoprire. La storia di ciascuno è da vedere in controluce alla storia di Cristo che partecipa alla vita di tutti. Rimane però un problema. Non tutti sono consapevoli di partecipare a un grande disegno. E quindi?
"Ho un amico che è ammalato di tumore" ha detto un ragazzo delle medie a papa Francesco durante un'udienza. E ha aggiunto: "Perché Dio chiede una cosa così a un ragazzo della mia età?". "Ci sono domande a cui non so rispondere nemmeno io. È una cosa misteriosa", risponde il papa: "Quello che mi aiuta è guardare Dio sulla Croce". "Perché è misterioso?", insiste il ragazzo bloccando con la sua domanda il papa che sta per allontanarsi. Francesco si ferma e risponde mettendo un dito sulla fronte: "Con la testa non lo capirai mai. Devi guardare Gesù in Croce".
Questo è il mistero del venerdì santo, la festa dell'uomo che sembra essere stato vinto dalla vita.

(Il sussidiario - 14/4/2017 )

Newsletter
Marzo 2017

NLmarzo2017

invetrina2

I cammini
Un'esperienza di pellegrinaggio 
per i giovani

via-francigena

Per accompagnare
i cammini
Lo zaino del pellegrino giovane

vie

Sinodo sui giovani 
Un osservatorio
Commenti. riflessioni, proposte  

sinodogiovani

Storia "artistica"
della salvezza 

agnolo bronzino discesa di cristo al limbo 1552 dettaglio2

Con o senza Te
#nonèlastessacosa
Proposta pastorale MGS 2016-17 
 

tornarea

Interpellati 
da Gesù

interpellatidagesu

Società, giovani 
e ragazzi
Aspetti socio-psico-pedagogici  

ragazziegiovani

L'educatore
competente
 
Formazione e spiritualità
 

educatore competente

Istituzioni, luoghi, 
contesti educativi 
 

cittaeducativa

Santi e testimoni 
di ieri e di oggi
Proposta di un cammino spirituale 
 

Icona Martiri2016

Educazione 
e bellezza 
 

educazione bellezza

Sussidi e materiali 
x l'animatore in gruppo 
 

cassetta

Newsletter NPG



Ricevi HTML?

PGNEWS

stampa

NPG: appunti 
per una storia

2010 SDB - NPG Logo 02 XX

Lo zibaldone. 
Di tutto un po'
Tra letteratura, arte e pastorale...

zibaldone

rubriche

Le 10 Parole 
(Ravasi, RadioRai,
Di Sante)

tavoledellalegge

Pedagogia 
interculturale

pedagogia interculturale

 Frammenti di fede
nel quotidiano
Dio, Cristo, Maria. Chiesa
 

fedenelquotidiano

I giovani 
e Maria
Comprensione e devozione cristiana

mariadinazareth

Corporeità e
pastorale giovanile

corporeita

Educazione 
e mistica

meistereckhart

Formazione 
(giovani) animatori

giovani -_pastorale_giovanile_animatori

Educare
alla Costituzione

costituzione

Le interviste: 
PG e...

interviste

Margherita Pirri: Un giorno di maggio

LIVE

webtvpic

Il numero di NPG 
in corso
Marzo 2017

00NPGcovermarzo2017

novita

ipad-newspaper-G

Le ANNATE di NPG 
1967-2017 
 

annateNPG

I DOSSIER di NPG 
(dall'ultimo ai primi) 
 

dossier

Le RUBRICHE NPG 
(in ordine alfabetico)
Alcune ancora da completare 
 

Rubriche

Gli AUTORI di NPG
ieri e oggi 

pennapennino

Gli EDITORIALI NPG 
1967-2017 
 

editorialeRIDOTTO

INDICI NPG
50 ANNI
 
Voci tematiche - Autori - Dossier

search

VOCI TEMATICHE 
di NPG
(in ordine alfabetico) 
 

dizionario

I LIBRI di NPG 
Giovani e ragazzi,
educazione, pastorale
 

libriNPG

I «QUADERNI» 
dell'animatore

quaderni

 

Alcuni PERCORSI 
educativo-pastorali in NPG
 

percorsi

I SEMPREVERDI 
I migliori DOSSIER di NPG 
 

vite N1

NOTE'S GRAFFITI 
Materiali di lavoro
con gruppi di ragazzi e adolescenti 
 

medium

Un percorso di spiritualità
per giovani

spirit-giovanile

Teologia e antropologia 
per la pastorale
Contributi NPG dal 1996 al 2016 
 

statuetta-buon-pastore

Cantieri
dell'anima
Piste educative estemporanee

cantieredellanima

Temi biblici
per la PG
e la spiritualità
 

bibbia-rubriche

Alla scuola
di Gesù
Percorsi di Giubileo

allascuoladigesu

Semi di
spiritualità
Il senso nei frammenti

spighe

 

Maestro, 
dove abiti?

merc28mag

Itinerari 
di educazione  
alla fede

Sentiero 02

Temi 
«generatori»
Pastorale e spiritualità giovanile

inprimopiano

Imparare
a pregare
Obiettivi, metodi, esperienze

lorante

Vocazione,
vocazioni
Nella Chiesa, per il mondo

vocazione

Interiorità
questa inattuale
L'educazione del e dal profondo

reiki 02

PG per la vita 
e la speranza
Un approccio «scientifico» alla PG

giov

Amore 
giovane
Temi di pastorale del fidanzamento

giovani-amore-internet

Educazione 
alla virtù

virtu

sitica1

SOCIAL AREA

 
socialareaok2 r1_c1_s1 socialareaok2 r1_c2_s1 socialareaok2 r1_c3_s1 socialareaok2 r1_c4_s1

NPG Twitter

NPG Facebook

Contattaci

Note di pastorale giovanile
via Marsala 42
00185 Roma

Telefono: 06 49 40 442

Fax: 06 44 63 614

Email

MAPPE del SITO 
per navigare con una bussola

mappesito

PROGRAMMAZIONE
NPG 2017

programmazione

La DOTTRINA SOCIALE 
della Chiesa

dottrina

Le INTERVISTE: 
PG e...

interviste

cospes vis tgs cnosfap cgs cnosscuola scsOK1 cnossport
Salesiani di Don Bosco Figlie di Maria Ausiliatrice editrice elledici università pontificia salesiana Servizio nazionale di pastorale giovanile Movimento Giovanile Salesiano salesitalia Mision Joven Dimensioni Mondo Erre DonBoscoland Scritti di Don Bosco ans bollettino
LogoMGSILE valdocco missioni missionitv asc exallievi vcdb mor ICC icp ILE ime ine isi