Stampa
PDF

Un cineclub che fa i primi passi


P. Ransenigo - R. Tonelli

(NPG 1969-11-68)

 

Un cineclub che fa i primi passi, se non desidera costruire sul nulla, si chiede di certo: da che parte incominciamo e dove vogliamo arrivare?
Le risposte possibili sono un sacco. Dipendono da tanti fattori: scelta ideologica di fondo, età dei partecipanti, cultura e preparazione di base, disponibilità di tempo, di tecnici, di soldi...
Questi appunti, nella loro semplicità, hanno per oggetto soprattutto i più giovani (anche a livello scuola media) e i meno preparati (chi fa i primi passi) con una prospettiva educativa prescelta (il film è considerato non solo come fenomeno culturale-tecnico, valutabile in astratto solo su di un piano formale, ma come vero fatto umano, in cui la tecnica e l'arte sfociano in una tematica che può essere condivisa o rifiutata, e in una estrinsecazione visuale e sonora da sottoporre a valutazione morale). Alla domanda d'inizio si danno qui due risposte:
• punto di partenza: una certa conoscenza almeno embrionale del fenomeno «cinema», in tutti i suoi risvolti (per questo è presentata una bibliografia, accessibile e sufficientemente completa);
• punto di arrivo: una valutazione piena di ogni opera: dall'aspetto narrativo e estetico a quello tematico e morale (per questo è indicato un certo movimento che ogni dibattito dovrebbe assumere; i problemi sottolineati ci paiono quelli da prendere assolutamente in esame: tutti, anche se con brevità e superficialità. Solo così il dibattito diventa educativo: non è una semplice analisi formale, distorta fuori dai binari dell'uomo che ci vive dentro, sempre; né è una moralizzazione estrinseca di un fenomeno che rimane sconosciuto, perché non letto nelle sue dimensioni oggettive di «fatto»).

SCHEDA-GUIDA PER DIBATTITO

Pur non escludendo la possibilità di condurre la conversazione su linee anche diverse in rapporto alla originalità del film appena visto, di norma colui che guiderà il dibattito rivolgerà al pubblico cinque domande nell'ordine seguente:
1. Qual è il racconto o la storia narrata dal film?
2. In che modo il regista ha raccontato la storia?
3. Qual è la tesi o messaggio del film?
4. È giusta la tesi che il film propone?
5. E io che c'entro in tutto questo?
Con parole tecnicamente precise si dovrebbe dire che si passa da una analisi narrativa (prima dom.) a una valutazione estetica (seconda dom.) per giungere attraverso l'analisi tematica (terza dom.) alla valutazione morale del film (quarta e quinta dom.).
Presentiamo ora, una per una, le cinque domande, con qualche chiarificazione sul loro senso per meglio comprendere la logica del discorso che si vuol fare su ogni singolo film.

♦ Prima domanda: Qual è il racconto o la storia narrata dal film?
Il dibattito inizia quindi con una domanda che ci porta alla analisi narrativa del film, cioè all'esame della sua composizione come racconto, mettendo a fuoco la vicenda, i personaggi che la animano, i loro conflitti... Il film infatti, normalmente, è, prima di tutto, un racconto che parte da una premessa, si sviluppa organicamente e arriva a una conclusione.
Siccome tutti, con intensità più o meno grande, ci lasciamo trascinare dalla vicenda, è necessario che si prenda coscienza delle scene e dei personaggi d'urto per risalire al filo del racconto.
Allora ci si domanda:
• Come si snoda questo racconto filmico?
• Ha delle linee chiare? ordinate? Quali sono le principali? quali le secondarie?
• Tale racconto ha una coerenza logica?
• I personaggi sono ben delineati? hanno coerenza psicologica?
Di qui anche un giudizio sul soggetto e sulla sceneggiatura e sulla struttura unitaria del film.

♦ Seconda domanda: In che modo il regista ha raccontato questa storia?
Siamo alla valutazione estetica del film, cioè alla analisi dei mezzi che compongono l'espressione cinematografica.
Innanzi tutto devono essere valutati nel loro complesso: sono essi in vera e armonica coerenza con il racconto affrontato?
In particolare si può ricercare il valore dei mezzi filmici usati prendendo in considerazione:
• Messa-in-scena: scenografia, costumi, trucco sono efficaci?
• Ripresa fotografica: inquadrature significative? angolazioni e distanze (campi e piani)? composizione dei quadri? illuminazione (uso del chiaroscuro, del grigio, dello sfocato) ? colore funzionale o semplici colori?
• Recitazione: scelta degli attori indovinata? adesione dei singoli (dal protagonista alle comparse) in modo efficace ai personaggi?
• Colonna sonora: il dialogo è ben condotto? la musica aderente? gli effetti sonori
• i silenzi?
• Montaggio: con quale ritmo è montato il film? su quali movimenti (degli attori - della cinepresa - delle sequenze - dei motivi ideali) ? risulta a ritmo rapido, lento, alternato, monotono?
Percorrendo questo cammino si ricava un giudizio documentato sull'opera filmica secondo le leggi dell'unità e dell'armonia; e si concluderà affermando che il film in esame apparirà esteticamente ottimo, o valido, o discreto, o appena sufficiente, o scarso... nel quadro di una sua coerenza stilistica.

♦ Terza domanda: Qual è la tesi o il messaggio del film?
Si perviene allora all'analisi tematica del film, cioè alla tesi, al messaggio, all'idea che sostiene e determina l'intera successione del racconto filmico. Lo spettatore si trova a dover compiere il cammino inverso a quello compiuto dal regista, il quale è partito da un'idea, vi ha costruito intorno una vicenda e l'ha espressa in un linguaggio fatto essenzialmente di immagini.
Di qui la nostra ricerca è giustificata:
• Quali idee percorrono il film?
• In quale tema centrale si possono coordinare?
• Il tema principale riesce a fondere e a comporre in unità i temi secondari?
• Si può esprimere il tema con una definizione completa, chiara, sintetica? Presenta esso le note di una sicura verosimiglianza e di una viva umanità?
Si è perciò alla presenza della penultima domanda.

♦ Quarta domanda: È giusta la tesi che il film propone?
Il dibattito si conclude così con la valutazione morale. L'analisi estetica e quella tematica per essere veramente complete non possono non portare a un giudizio morale, in quanto l'arte abbraccia tutto l'uomo, in tutte le sue dimensioni. Nell'analisi dei valori morali del film si dovrà necessariamente distinguere un duplice giudizio:

• Giudizio sulla moralità «interna» del film:
La tematica centrale del film risulta positiva o no, moralmente? I personaggi si adeguano in tutto e sempre alla norma morale? Nel conflitto tra bene e male che posizione ha preso il regista? condanna o no il male? lo descrive però con compiacenza? La parte rappresentata del bene è prevalente su quella del male? o viceversa? Il regista si è mostrato incerto, scettico, evasivo, ambiguo? I rapporti umani individuali, sociali, religiosi come vengono intesi dal regista? 

• Giudizio sulla moralità «esterna» del film:
Alcuni personaggi, e quali, denunciano delle carenze morali? L'immoralità di alcune scene è tale da danneggiare, nel complesso, la tematica moralmente positiva del film? E viceversa certe scene positive lo salvano?
Il giudizio morale complessivo dovrebbe, infine, saper indicare a quale tipo di pubblico sarebbe adatto il film preso in considerazione (di qui il riferimento alle classificazioni del C.C.C.: I, II, III, IV).

♦ Quinta domanda: E io che c'entro in tutto questo?
Ogni problema umano (la 4a domanda ha cercato di giungere alla scoperta della «moralità» del messaggio del regista, quindi all'uomo, nelle sue dimensioni più profonde) diventa un problema «personale», in cui ci sono dentro io (che quindi mi riguarda fino in fondo e di fronte al quale non posso restare indifferente), quando viene condotto nei suoi movimenti più profondi e più veri.
Perché ogni incontro con un film sia educativo (costruisca cioè qualcosa in me, mediante il mio contributo) è necessario giungere a questa soglia.

• La soluzione del regista è tutta negativa o tutta positiva? Che cosa condivido di quanto mi è stato proposto? Che soluzione avrei invece prospettato io? E che soluzione avrebbe prospettato il Signore? Ci sono altri fatti tipici, nella storia dell'uomo, in cui i problemi assomigliano a quelli del regista? Come sono stati risolti? Chi ha aiutato gli uomini a costruire soluzioni positive? Chi li ha spinti a soluzioni negative? Che parte ho io in tutto questo? Che cosa dovrò dunque cambiare in me stesso, perché le cose vadano veramente come è stato indicato, oppure perché le cose non vadano più così?

NOTA BIBLIOGRAFICA SUL CINEMA

Non si intende presentare qui un elenco completo ed esauriente di opere sull'argomento «cinema», tanto vasto e impegnativo, ma solo indicare, ad informazione di giovani impegnati, qualche opera abbastanza accessibile e significativa per la conoscenza delle caratteristiche e dei problemi relativi al cinema.

1. Opere di carattere generale

G. Sadoul, Storia del cinema mondiale, Feltrinelli
G. Sadoul, Cinema - I film (2 voll.), Sansoni
G. Sadoul, Cinema - I cineasti, Sansoni
G. Solmi, Cinema specchio del tempo, La Scuola
N. Taddei, Lettura strutturale del film, Ed. I 7
N. Taddei, Giudizio critico del film, Ed. I 7
AA. VV., Criticare un film, Ed. Cineforum, Venezia
AA. VV., Discutere un film, Ed. Cineforum, Venezia
Ghilardini, Storia generale del cinema, Marzorati
R. May, Il cinema italiano contemporaneo, Fossano
D. Eusebietti, Piccola storia del cinema, SEI G.
Bettetini, Cinema: lingua e struttura, Bompiani

2. Educazione al cinema

I. L. Peters, L'educazione al cinema, Ed. Paoline
M. Gamba, Il mondo delle immagini, Centro Studi Cinematografici
AA. VV., Tecnica ed estetica del film, La Scuola
M. Bongioanni, Il linguaggio delle immagini, LDC
R. May, Cinema e tecnica, La Scuola
L. Gamba, Educare al cinema, Ente dello Spettacolo, Roma
AA. VV., Quaderni di cinematografia, collana La Scuola
M. Verdone, Come si realizza un film, La Scuola
G. Fossati, Il dibattito cinematografico, Centro Studi Como
G. Gambetti, Come si guarda un filmGaleati
Ist. M. Ausil., Il cinema, appunti scuola media, Brescia

E. Tarroni, Cinema e gioventù, Ed. Malipiero

3. Cinema e problemi educativi

Cinema, cosa ne pensa la Chiesa, Ed. Paoline
E. Cappellini, Genitori, educhiamo al cinema, Ancora
M. Bongioanni, Cinema, caso di coscienza, LDC
E. Canale, La Chiesa e il cinema, Ente dello Spettacolo
G. Fossati, Il cinema e l'uomo, Vita e Pensiero
M. Sola, Gli strumenti della comunicazione sociale, Paoline

4. Riviste cattoliche cinematografiche

Rivista del cinematografo, mensile, Ente dello Spettacolo, Roma
Cineforum, mensile, Ed. Cineforum, Venezia
Cineschedario, mensile, Centro Spettacolo Educativo, Torino
Schedario cinematografico, a schede, Centro dello Spettacolo e della Comunicazione Sociale, Roma
Letture, mensile, Ed. Letture, Milano

Newsletter
Gennaio 2018

NLgennaio18

Laboratorio
dei talenti 2.0
Una rubrica FOI

rubrica oratorio ridotta

No balconear 
Rubrica ispirata al/dal Papa
 

lostintranslation 1

Sulle spalle... 
dei giganti

giganti

Sinodo sui giovani 
Un osservatorio
Commenti. riflessioni, proposte  

logo-SINODO-GIOVANI-colori-295x300

 Il Vangelo
del giorno
(Monastero di Bose)

Lezionario 1

Temi di PU 
(pastorale universitaria)

temi di PU

Temi 
«generatori»
Pastorale e spiritualità giovanile

inprimopiano

invetrina2

Storia "artistica"
della salvezza 

agnolo bronzino discesa di cristo al limbo 1552 dettaglio2

I cammini
Un'esperienza di pellegrinaggio 
per i giovani

via-francigena

Per accompagnare
i cammini
Lo zaino del pellegrino giovane

vie

Roma
vita e opere
Una visita "guidata" per Roma 

romaantica

Newsletter NPG



Ricevi HTML?

PGNEWS

stampa

Lo zibaldone. 
Di tutto un po'
Tra letteratura, arte e pastorale...

zibaldone

rubriche

Società, giovani 
e ragazzi
Aspetti socio-psico-pedagogici  

ragazziegiovani

Sussidi e materiali 
x l'animatore in gruppo 
 

cassetta

LIVE

Il numero di NPG 
in corso
Gennaio 2018

NPG gennaio18 cover 400

Progettare PG

progettare

novita

ipad-newspaper-G

NPG: appunti 
per una storia

2010 SDB - NPG Logo 02 XX

Le ANNATE di NPG 
1967-2018 
 

annateNPG

I DOSSIER di NPG 
(dall'ultimo ai primi) 
 

dossier

Le RUBRICHE NPG 
(in ordine alfabetico)
Alcune ancora da completare 
 

Rubriche

Gli AUTORI di NPG
ieri e oggi 

pennapennino

Gli EDITORIALI NPG 
1967-2018 
 

editorialeRIDOTTO

INDICI NPG
50 ANNI
 
Voci tematiche - Autori - Dossier

search

VOCI TEMATICHE 
di NPG
(in ordine alfabetico) 
 

dizionario

I LIBRI di NPG 
Giovani e ragazzi,
educazione, pastorale
 

libriNPG

I «QUADERNI» 
dell'animatore

quaderni

 

Alcuni PERCORSI 
educativo-pastorali in NPG
 

percorsi

I SEMPREVERDI 
I migliori DOSSIER di NPG 
 

vite N1

NOTE'S GRAFFITI 
Materiali di lavoro
con gruppi di ragazzi e adolescenti 
 

medium

webtvpic

SOCIAL AREA

 
socialareaok2 r1_c1_s1 socialareaok2 r1_c2_s1 socialareaok2 r1_c3_s1 socialareaok2 r1_c4_s1

Contattaci

Note di pastorale giovanile
via Marsala 42
00185 Roma

Telefono: 06 49 40 442

Fax: 06 44 63 614

Email

Newsletter
«NPG 50 anni»

50 anni

Newsletter
«Riccardo Tonelli»
In memoria

tonelli

MAPPE del SITO 
per navigare con una bussola

mappesito

PROGRAMMAZIONE
NPG 2018

programmazione

La DOTTRINA SOCIALE 
della Chiesa

dottrina

Le INTERVISTE: 
PG e...

interviste

cospes vis tgs cnosfap cgs cnosscuola scsOK1 cnossport
Salesiani di Don Bosco Figlie di Maria Ausiliatrice editrice elledici università pontificia salesiana Servizio nazionale di pastorale giovanile Movimento Giovanile Salesiano salesitalia Mision Joven Dimensioni Mondo Erre DonBoscoland Scritti di Don Bosco ans bollettino
LogoMGSILE valdocco missioni missionitv asc exallievi vcdb mor ICC icp ILE ime ine isi