Stampa
PDF

Un articolo che ha suscitato perplessità


(NPG 1971-01-04)

 

Da mesi, per mancanza di tempo, non leggevo la vostra Rivista.
Ieri la ripresi in mano e mi capitò subito sotto gli occhi l'articolo «Motivazioni teologiche per un impegno politico dei giovani».
Ho provato un vero dolore.
(S.D. - Genova-Nervi)

Ho letto e riletto l'articolo «Motivazioni teologiche per un impegno politico dei giovani».
È il primo articolo di P. Balducci apparso sulla vostra Rivista.
Sarebbe un vero peccato che la Rivista si mettesse su questa strada.
(Z.L. - Lavis-TN)

Leggo sul n. 11 della rivista (pag. 46) le seguenti frasi di P. Balducci: «Ebbene le profezie bibliche non passano sul mondo, lo investono e lo attraversano; non si riferiscono ad un aldilà ma promettono un nuovo modo di essere in questo mondo (s.n.) e di noi in questo mondo rinnovato».
Contrappongo a questo brano ambiguo la parola di S. Pietro: «Adveniet autem dies Domini ut fur: in quo coeli magno impetu transient, elemento vero calore solventur, terra autem et quae in ipsa sunt opera, exurentur. Cum igitur haec omnia dissolvendo sint..., coeli ardentes solventur et elementa ignis ardore tabescent. Novos vero coelos et novam terram secundum promissa ipsius expectamus, in quibus iustitia habitat» (2 Pt 3,10).
Mi meraviglio che una rivista di pastorale ospiti un articolo che contenga affermazioni così contrarie alla parola di Dio.
Se la lettura del citato brano fosse stata solamente penosa per me, non mi avrebbe spinto a compiere questo dovere di giuste rimostranze; il fatto è che sacerdoti che hanno diretta responsabilità giovanile sono ricorsi a me per una desolata protesta, pur sapendo che oggi è difficile trovare persone disposte a deplorare e condannare.
(D.C. - Torino)

L'articolo di P. Balducci ha suscitato alcune perplessità. La redazione di Note di Pastorale Giovanile ne prende atto, ringrazia gli estensori, anche se non ne condivide, complessivamente, il contenuto.
Molte volte è stato scritto che ogni battuta della nostra Rivista vuole essere «di dialogo». Non facciamo mai affermazioni assolute, immodificabili: offriamo proposte, per una riflessione personale, attenta e di ridimensionamento. Per rendere studi, sussidi ed esperienze (di natura loro generiche e generali) proporzionate al proprio ambiente di intervento.
Già l'introduzione all'articolo sottolineava che le pagine che sarebbero seguite, erano «un discorso da riprendere».
«Anche per approfondire alcune linee, che qui sono necessariamente generiche (rapporto religione e mondo, istituzione ed eucaristia, per fare un esempio) e di semplice stimolo ad una riflessione personale più precisa».
E il discorso sarà ripreso. Molto presto.
A qualcuno ha fatto «impressione» il calore delle affermazioni contenute. Chi ha letto qualcosa di P. Balducci o soprattutto lo ha sentito parlare, sa che l'ardore polemico è la sua nota più caratteristica... ma ha sempre la percezione, immediata, dell'appassionato amore alla Chiesa che si cela in una scorza talvolta rude.
Qualche perplessità denunciata è di natura dottrinale: a questa si dà risposta con i due interventi che seguono.
Altre invece sono prevalentemente emotive: la paura del nuovo, del rischio... l'insicurezza che nasce dalla ricerca.
Un paragrafo del Documento-base merita di essere sottolineato:
«Mai un educatore o una comunità educatrice hanno concluso il loro lavoro: una tensione spirituale profonda li tiene continuamente desti, sempre pronti a trovare il loro nuovo posto nella vita di coloro dei quali devono aver cura. Tutto diviene servizio e ansia apostolica» (159).

* * *

Non vedo perché il lettore di Torino si sia scandalizzato. Anche un modesto conoscitore della Scrittura sa che in essa il rapporto tra questo mondo e quello instaurato dal ritorno del Signore non è presentato in modo univoco. Gli esegeti distinguono un modo apocalittico – il brano di Pietro ne è un perfetto esempio – che mette l'accento sulla radicale diversità tra ll presente e il futuro e rappresenta la fine dei tempi come distruzione del presente e un modo messianico – ad esempio il capitolo 8 della lettera ai Romani – che sottolinea la continuità tra il presente e il futuro e fa consistere il Regno di Dio non in un mondo ontologicamente altro da questo, ma in questo stesso mondo liberato finalmente dalla corruzione e assunto nella gloria della Resurrezione. I due modi non si escludono, ma nel modo messianico di rappresentarsi la fine c'è più ricchezza, più rispetto dell'unità del disegno di Dio, che ha creato questo mondo non già per distruggerlo ma perché si adempia secondo le sue intenzioni quali si sono manifestate nella resurrezione del Cristo. Il corpo del Cristo risorto è lo stesso corpo del Gesù di Nazareth: diverso ma identico! Si riveda, il lettore scandalizzato, Il n. 39 della Gaudium et spes.
Faccio notare che io ho scritto «un nuovo modo di essere di questo mondo» e non già «un nuovo modo di essere in questo mondo». L'aldilà non è altro che un nuovo modo di essere di questo mondo, liberato dalla schiavitù del peccato e assunto nella definitiva ricapitolazione del Cristo.
(Ernesto Balducci)

* * *

Non riesco a capire che relazione esiste tra le parole di Balducci e la 2 Pt 3,10. Se uno dovesse usare la Bibbia nelle sue frasi staccate da ogni contesto, potrebbe riuscire a confermare o ribattere tutto ciò che si dice.
Lei ha sottolineato «in questo mondo» e «secundum promissa eius». Non facciamo i difficili. Per maggiori chiarimenti rimandiamo alla bibliografia segnalata da Schmitt in DBS 7,1463. Credo sia un po' arbitrario usare questo testo della Bibbia di cui ancora non si sa quello che voglia dire di preciso, per controbattere un'affermazione che l'autore ha pronunciato senza pensare a ciò.
Comunque qualcosa vi è di certo ed è che noi siamo nell'attesa del compimento perfetto delle sue promesse, cioè di un mondo nuovo in cui abiterà la giustizia. Questo mondo si sta già realizzando dal giorno della Pentecoste. Lo stesso Pietro (Atti 2,16-21) commenta il fatto con le immagini apocalittiche di Gioele e capisce bene che materialmente quel giorno il sole non si era oscurato né la luna insanguinata. I nuovi cieli sono in realizzazione e si vanno rinnovando giorno per giorno per raggiungere «secondo le promesse di lui» (2 Pt 3,10) la salvezza totale di questo mondo. A questo rinnovamento del mondo secondo le profezie cooperano giorno per giorno tutti i cristiani.
(Mario Galizzi – docente di S. Scrittura nell'Ateneo Salesiano di Torino)

Newsletter
Dicembre 2018
NLdic18

Verso Panama 
XXXIV GMG
  

logo panama

Sinodo sui giovani 
Un osservatorio
Commenti. riflessioni, proposte  

logo-SINODO-GIOVANI-colori-295x300

Giovani 
nel digitale
Esercizi di discernimento  

iphone mano

Newsletter NPG



Ricevi HTML?

invetrina2

Laboratorio
dei talenti 2.0
Una rubrica FOI

rubrica oratorio ridotta

No balconear 
Rubrica ispirata al/dal Papa
 

lostintranslation 1

Sulle spalle... 
dei giganti

giganti

Temi di PU 
(pastorale universitaria)

temi di PU

rubriche

 Il Vangelo
del giorno
(Monastero di Bose)

Lezionario 1

Storia "artistica"
della salvezza 

agnolo bronzino discesa di cristo al limbo 1552 dettaglio2

I cammini 
Una proposta-esperienza
per i giovani
e materiali utili

vie

Bellezza, arte 
e PG
(e lettere dal mondo)

arteepg

Etty Hillesum 
una spiritualità
per i giovani

 Etty

Semi di
spiritualità
Il senso nei frammenti

spighe

 

Società, giovani 
e ragazzi
Aspetti socio-psico-pedagogici  

ragazziegiovani

LIVE

Contattaci

Note di pastorale giovanile
via Marsala 42
00185 Roma

Telefono: 06 49 40 442

Fax: 06 44 63 614

Email

Il numero di NPG 
in corso
Dicembre 2018

400 dic 18

Il numero di NPG 
precedente
Novembre 2018

NPG novembre 2018

Post It

1. In homepage materiali relativi alla prossima GMG di Panama

2. Solo per il sito (e a scadenze ravvicinate) una rubrica di grande interesse pastorale: «GIOVANI NEL DIGITALE. Esercizi di discernimento». Pubblicati i primi quattro articoli, in html e in pdf

3. In allestimento la Newsletter di gennaio, con il dossier e la Newsletter su EDUCARE ALLE VIRTÙ

4. Sul sito, il più completo RAPPORTO SUL SINODO esistente on line

5. Stiamo inserendo - nella rubrica I LIBRI di NPG - quelli relativi alla collana "Pastorale giovanile e animazione"

Le ANNATE di NPG 
1967-2019 

annateNPG

I DOSSIER di NPG 
(dall'ultimo ai primi) 
 

dossier

Le RUBRICHE NPG 
(in ordine alfabetico)
Alcune ancora da completare 
 

Rubriche

Gli AUTORI di NPG
ieri e oggi 

pennapennino

Gli EDITORIALI NPG 
1967-2019 

editorialeRIDOTTO

INDICI NPG
50 ANNI
 
Voci tematiche - Autori - Dossier

search

VOCI TEMATICHE 
di NPG
(in ordine alfabetico) 
 

dizionario

I LIBRI di NPG 
Giovani e ragazzi,
educazione, pastorale
 

libriNPG

I «QUADERNI» 
dell'animatore

quaderni

 

Alcuni PERCORSI 
educativo-pastorali in NPG
 

percorsi

I SEMPREVERDI 
I migliori DOSSIER di NPG 
 

vite N1

NOTE'S GRAFFITI 
Materiali di lavoro
con gruppi di ragazzi e adolescenti 
 

medium

Di animazione,
animatori
e altre questioni
NPG e «animazione culturale»

animatori

Sussidi e materiali 
x l'animatore in gruppo 
 

cassetta

webtvpic

SOCIAL AREA

 
socialareaok2 r1_c1_s1 socialareaok2 r1_c2_s1 socialareaok2 r1_c3_s1 socialareaok2 r1_c4_s1