Stampa
PDF

Crescere e aiutare a crescere


Carlo Nanni

 

 

1. Paradossalmente se è difficile educare, oggi non lo è meno crescere.

I primi a risentire nel bene e nel male degli effetti della globalizzazione sono i bambini, i ragazzi, i giovani di ambo i sessi. Essi partecipano delle opportunità che vengono dalle innovazioni tecnologiche e dal mercato internazionale e mondiale. Il sistema di comunicazione sociale mondializzato, permette loro l’accesso ad un vastissimo volume di informazioni; e dà loro la possibilità di una comunicazione in tempi ravvicinati con persone e realtà vicine e lontane, quasi abolendo le distanze fisiche temporali e spaziali, stimolando l’immaginario e il fantastico soggettivo. Più che il cambiamento (come è stato ed è per la generazione adulta o anziana), per loro il difficile è vivere umanamente l’innovazione: il navigare nel grande mare della comunicazione può rischiare di finire per essere un naufragare non avendo una rotta e una porto di destinazione.

 

2. L’ indubbia accresciuta sensibilità per la libertà in tutti gli ambiti dell’esistenza, è tipica del nostro tempo. Ma forse, non lo è meno il “nichilismo”, inteso non filosoficamente ma come interiore senso del nulla di sé e del mondo. Esso non è solo “l’ospite inquietante” dei giovani, ma anche di tanti adulti, di tante coppie, di tante relazioni familiari; e produce solo “passioni tristi”.

Gli “Orientamenti Pastorali” (= d’ora in poi OP) evidenziano che «le persone fanno sempre più fatica a dare un senso profondo all’esistenza. Ne sono sintomi il disorientamento, il ripiegamento su se stessi e il narcisismo, il desiderio insaziabile di possesso e di consumo, la ricerca del sesso slegato dall’affettività e dall’impegno di vita, l’ansia e la paura, l’incapacità di sperare, il diffondersi dell’infelicità e della depressione. Ciò si riflette anche nello smarrimento del significato autentico dell’educare» (n. 9).

In proposito gli OP parlano di “nodi” culturali o più esattamente di «aspetti, rilevanti dal punto di vista antropologico [che] influiscono in modo particolare sul processo educativo».

E ne fanno un puntuale elenco che poi viene sviluppato nel prosieguo del capitolo primo, intitolato appunto «Educare in un mondo che cambia»: «l’eclissi del senso di Dio e l’offuscarsi della dimensione dell’interiorità, l’incerta formazione dell’identità personale in un contesto plurale e frammentato, le difficoltà di dialogo tra le generazioni, la separazione tra intelligenza e affettività».

 

3. «Le cause di questo disagio – continuano gli OP – sono molteplici: culturali, sociali ed economiche». È esperienza comune: la crisi finanziaria, produttiva e occupazionale rendono difficile pensare ad un futuro umanamente degno per le nuove generazioni. Il governo e il malcostume politico rendono non solo teso, ma abbassano il tono “etico” della vita civile e della partecipazione alla buona qualità della vita comunitaria. Sembra che non ci siano troppi spazi per il “sogno” e per la “speranza” in genere e quella educativa in particolare.

E tuttavia gli OP non si pongono in un atteggiamento negativistico.

Di fronte al “mondo che cambia” fanno propria la lezione della “Gaudium et Spes”: condivisione con le gioie e le speranze, le tristezze le angosce umane di ogni tempo; discernimento per conoscere e comprendere il mondo in cui viviamo, le sue attese, le sue aspirazioni; interpretarli alla luce del Vangelo per cogliervi i segni e i tempi dell’azione dello Spirito nella storia; profezia fiduciosa e coraggiosa, «sapendo di poter contare su una “riserva escatologica” alla quale quotidianamente attingere: la speranza che non delude (cfr Rm 5,5)».

 

4. In questa linea si prospettano anche modalità educative per aiutare a superare i “nodi” che rendono difficile la crescita.

Indico alcuni passaggi che mi sembrano testimonino questa strategia globale degli OP.

 

1) A riguardo del senso della vita:

«Un’autentica educazione deve essere in grado di parlare al bisogno di significato e di felicità delle persone. Il messaggio cristiano pone l’accento sulla forza e sulla pienezza di gioia (cfr Gv 17,13) donate dalla fede, che sono infinitamente più grandi di ogni desiderio e attesa umani. Il compito dell’educatore cristiano è diffondere la buona notizia che il Vangelo può trasformare il cuore dell’uomo, restituendogli ragioni di vita e di speranza» (n. 8).

 

2) A riguardo delle incertezze antropologiche che portano ad un soggettivismo individualistico che pensa solo a se stesso: si afferma che in fondo tutto può essere ricondotto alla «negazione della vocazione trascendente dell’uomo e di quella relazione fondante che dà senso a tutte le altre», cioè la relazione con Dio, perché – ripigliando Caritas in Veritate, n. 78 – «senza Dio l’uomo non sa dove andare e non riesce nemmeno a comprendere chi egli sia» (n. 9).

 

3) A riguardo delle difficoltà della formazione dell’identità personale in un contesto plurale e attraversato dai fascinosi scenari della comunicazione sociale e dagli incontri con persone di diversa cultura: si mette in luce che tutto ciò può costituire «una risorsa feconda, da valorizzare senza indulgere a irenismi o cedere a eccessivi timori e diffidenze»; comporta maggiore fatica e rischi inediti rispetto al passato, ma accresce lo spazio di libertà della persona nelle proprie decisioni e fanno appello alla sua responsabilità.

In tal senso il compito più urgente diventa, dunque, educare a scelte responsabili; a contrastare l’assimilazione passiva di modelli ampiamente divulgati e di superarne l’inconsistenza, promuovendo la capacità di pensare e l’esercizio critico della ragione (cfr n. 10); e rispetto al diffuso relativismo, sarà compito educativo aiutare a saper leggere il “libro della creazione” e quello della Rivelazione ( cfr. n. 11);

 

4) A riguardo dei rapporti tra generazioni e della trasmissione della cultura e dei valori da una generazione ad un’altra: essa è una costante dell’educazione in ogni tempo e sotto ogni cielo. Oggi è resa più difficile non solo dal complesso contesto socio-culturale, ma – come ben notano gli OP – anche dal fatto che oggi i «giovani si trovano spesso a confronto con figure adulte demotivate e poco autorevoli, incapaci di testimoniare ragioni di vita che suscitino amore e dedizione», a cominciare dalle figure parentali.

Si comprende perché la Chiesa si sente preoccupata per «la famiglia, primo luogo dell’educazione, lasciata sola a fronteggiare compiti enormi nella formazione della persona, senza un contesto favorevole e adeguati sostegni culturali, sociali ed economici». E si comprende perché – soprattutto nell’ultima parte, gli Op invocano la necessità di una “alleanza educativa” tra le figure educative, le istituzioni sociali di formazione e la società tutt’intera.

 

5) A riguardo di quello che oggi forse è il compito educativo più delicato: quello dell’integrazione tra le dimensioni costitutive della persona in special modo tra razionalità e affettività, tra corporeità e spiritualità. Gli OP intravedono la necessità dell’«armonia e la reciproca fecondazione tra sfera razionale e mondo affettivo, intelligenza e sensibilità, mente, cuore e spirito, che orienta la persona verso il senso globale di se stessa e della realtà, nonché verso l’esperienza liberante della continua ricerca della verità, dell’adesione al bene e della contemplazione della bellezza» (n.13). Ma forse sono meno cospicui di indicazioni educative in un’opera che certamente richiede vicinanza e fiducia nei giovani, dono di sé, “un amore ricco di intelligenza e una intelligenza piena di amore”, un discreto e fedele accompagnamento, una autorevole testimonianza di vita libera e saggia.

 

6) A riguardo dell’accoglienza e dell’integrazione sociale oggi.

Gli OP avvertono che «in questo tempo di grande mobilità dei popoli, la Chiesa è sollecitata a promuovere l’incontro e l’accoglienza tra gli uomini». All’opera educativa viene affidato il compito di «aiutare a superare paure, pregiudizi e diffidenze, promuovendo la mutua conoscenza, il dialogo e la collaborazione». Anzi affermano che «l’acquisizione di uno spirito critico e l’apertura al dialogo, accompagnati da una maggiore consapevolezza e testimonianza della propria identità storica, culturale e religiosa», potranno contribuire a «far crescere personalità solide, allo stesso tempo disponibili all’accoglienza e capaci di favorire processi di integrazione». Da questo punti di vista aggiungono che «l’approccio educativo al fenomeno dell’immigrazione può essere la chiave che spalanca la porta a un futuro ricco di risorse e spiritualmente fecondo» (n.14).

 

5. Il capitolo si chiude con la convinzione che «in questo quadro si inserisce a pieno titolo la proposta educativa della comunità cristiana, il cui obiettivo fondamentale è promuovere lo sviluppo della persona nella sua totalità », contribuendo in pari tempo alla crescita del corpo sociale e al perseguimento del bene comune «con cristiana responsabilità» (n. 15).

In tal senso, l’educazione cristiano diventa – anche per il mondo laico – viva testimonianza che «il tempo dell’educazione non è finito» (n. 7).

 

 

 

Sinodo sui giovani 
Un osservatorio
Commenti. riflessioni, proposte  

logo-SINODO-GIOVANI-colori-295x300

Newsletter
Speciale 2018
(Estate-Settembre-Ottobre)
NLspeciale2018

Di animazione,
animatori
e altre questioni
NPG e «animazione culturale»

animatori

Newsletter NPG



Ricevi HTML?

invetrina2

Laboratorio
dei talenti 2.0
Una rubrica FOI

rubrica oratorio ridotta

No balconear 
Rubrica ispirata al/dal Papa
 

lostintranslation 1

Sulle spalle... 
dei giganti

giganti

Temi di PU 
(pastorale universitaria)

temi di PU

rubriche

 Il Vangelo
del giorno
(Monastero di Bose)

Lezionario 1

Storia "artistica"
della salvezza 

agnolo bronzino discesa di cristo al limbo 1552 dettaglio2

I cammini 
Una proposta-esperienza
per i giovani
e materiali utili

vie

Bellezza, arte 
e PG
(e lettere dal mondo)

arteepg

Etty Hillesum 
una spiritualità
per i giovani

 Etty

Semi di
spiritualità
Il senso nei frammenti

spighe

 

Lo zibaldone. 
Di tutto un po'
Tra letteratura, arte e pastorale...

zibaldone

Società, giovani 
e ragazzi
Aspetti socio-psico-pedagogici  

ragazziegiovani

Sussidi e materiali 
x l'animatore in gruppo 
 

cassetta

LIVE

Il numero di NPG 
in corso
Novembre 2018

NPG novembre 2018

Il numero di NPG 
precedente
Settembre-Ottobre 2018

cop sett-ott2018

Post It

1. Siamo in fase finale per il numero NPG di novembre su GIOVANI E AZZARDO. Nella NL la ripresa del tema con approfondimenti e materiali di uso animatori e docenti per gruppi e classi

2. Stiamo seguendo il Sinodo con gli eventi giorno per giorno...

3. Nella rubrica sulla Storia della salvezza, abbiamo inserito - per ogni tema artistico - una "guida" come lettura "critica" (a cura dell'autrice della rubrica, Maria Rattà).

4. On line tutta NPG fino all'annata 2013 (come promesso, fino a 5 anni fa), e pulizia-aggiornamento definitivo dei files delle annate precedenti

Progettare PG

progettare

novita

ipad-newspaper-G

NPG: appunti 
per una storia

2010 SDB - NPG Logo 02 XX

Le ANNATE di NPG 
1967-2018 
 

annateNPG

I DOSSIER di NPG 
(dall'ultimo ai primi) 
 

dossier

Le RUBRICHE NPG 
(in ordine alfabetico)
Alcune ancora da completare 
 

Rubriche

Gli AUTORI di NPG
ieri e oggi 

pennapennino

Gli EDITORIALI NPG 
1967-2018 
 

editorialeRIDOTTO

INDICI NPG
50 ANNI
 
Voci tematiche - Autori - Dossier

search

VOCI TEMATICHE 
di NPG
(in ordine alfabetico) 
 

dizionario

I LIBRI di NPG 
Giovani e ragazzi,
educazione, pastorale
 

libriNPG

I «QUADERNI» 
dell'animatore

quaderni

 

Alcuni PERCORSI 
educativo-pastorali in NPG
 

percorsi

I SEMPREVERDI 
I migliori DOSSIER di NPG 
 

vite N1

NOTE'S GRAFFITI 
Materiali di lavoro
con gruppi di ragazzi e adolescenti 
 

medium

webtvpic

SOCIAL AREA

 
socialareaok2 r1_c1_s1 socialareaok2 r1_c2_s1 socialareaok2 r1_c3_s1 socialareaok2 r1_c4_s1

Contattaci

Note di pastorale giovanile
via Marsala 42
00185 Roma

Telefono: 06 49 40 442

Fax: 06 44 63 614

Email

MAPPE del SITO 
navigare con una bussola

mappesito 1

PROGRAMMAZIONE
NPG 2018

programmazione 1

LECTIO DIVINA 
o percorsi biblici

lectiodivina 1 

DOTTRINA SOCIALE 
della Chiesa

dottrina 1

LE INTERVISTE: 
PG e...

interviste 1

ENTI CNOS

cospes tgs cnosfap cgs cnosscuola scsOK1 cnossport

SITI AMICI

Salesiani di Don Bosco Figlie di Maria Ausiliatrice editrice elledici università pontificia salesiana Servizio nazionale di pastorale giovanile Movimento Giovanile Salesiano salesitalia Mision Joven Dimensioni Mondo Erre DonBoscoland Scritti di Don Bosco ans bollettino
LogoMGSILE valdocco missioni vis asc exallievi vcdb mor ICC icp ILE ime ine isi