Stampa
PDF

Dopo le vacanze


Editoriale

Mario Pollo

(NPG 2007-07-02)


La ripresa delle attività e degli impegni usuali (scuola, lavoro, relazioni…) non deve dimenticare il «senso» che è consegnato nelle vacanze, anzi, permetterne la autentica realizzazione.
L’estate e le vacanze che da bambini e ragazzi le segnano è una sorta d’archetipo, è l’ingresso in un tempo segnato dalla promessa della felicità e dall’attesa di straordinari eventi in grado di rendere più ricca di sapore la vita. Divenendo adulti, e quindi realisti, le promesse e le attese dell’infanzia scompaiono e l’estate diviene solo più una stagione che contiene un periodo di ferie. Anche se l’archetipo dell’infanzia non è scomparso, in quanto permane annidato nelle profondità del nostro essere, l’estate adulta ricerca il suo compimento esclusivamente nel riposo e nel divertimento acquistabili dall’industria del loisir. In questo si differenzia radicalmente dall’infanzia dove l’estate per compiersi non ha bisogno di luoghi esotici o di divertimenti particolari per donare felicità e realizzare le proprie promesse. Infatti, il quotidiano nell’estate è già di per sé un luogo di potenziale felicità, perché consente la gratuità dell’essere e il gioco vero, che ha come unico scopo della propria inutilità il dare piacere a chi lo pratica. Il tempo dell’estate per i ragazzi è un tempo magico, il cui ricordo nutrirà di nostalgia per una felicità e una pienezza di vita mai più sperimentata la loro vita adulta.
È proprio a partire da questa nostalgia che un giovane, così come un adulto, può riscoprire il senso profondo delle vacanze estive, al di fuori di quello banale dell’assenza del lavoro, delle fatiche e delle frustrazioni che esso spesso comporta, compensate con la ricerca dello svago e del divertimento.
La nostalgia delle estati infantili, infatti, conduce alla ri-scoperta delle vacanze estive come luogo dell’essere, della gratuità come valore fondante della vita che apre alla contemplazione delle cose, degli altri e di sé e, quindi, alle relazioni autentiche della parola fondamentale «io-tu», oltre che della ri-scoperta di un rapporto meno utilitaristico con la natura.
Se nelle vacanze avviene questa «conversione», che compie la promessa della nostalgia, ecco che l’estate, così come avveniva nell’infanzia, svela che la felicità e la pienezza di vita, pur tra mille problemi, sconfitte e dolori, possono accadere nell’orizzonte della vita umana. Che il quotidiano è uno scrigno di senso e che lo stesso lavoro, a saperlo vivere, è un luogo in cui si può contribuire alla costruzione di un mondo più congruente al disegno divino della creazione, in cui la giustizia e la pace si baceranno. A condizione però che il lavoro, o lo studio, sia vissuto come luogo di impegno personale, sociale e politico, di ricerca di un protagonismo e di una partecipazione solidale attiva alla vita del sistema sociale. Ma non solo, la vacanza, così come ogni autentica festa segnata dalla presenza della «Menucha», può essere il tempo dell’ascolto del respiro della trascendenza che è presente nelle cose e nei gesti della vita quotidiana. Concludendo si può affermare che se trasognate dalla nostalgia dell’infanzia le vacanze estive possono essere un tempo di «renovatio» da cui può nascere il miracolo di una vita nuova.

Newsletter
Dicembre 2018
NLdic18

Verso Panama 
XXXIV GMG
  

logo panama

Sinodo sui giovani 
Un osservatorio
Commenti. riflessioni, proposte  

logo-SINODO-GIOVANI-colori-295x300

Giovani 
nel digitale
Esercizi di discernimento  

iphone mano

Newsletter NPG



Ricevi HTML?

invetrina2

Laboratorio
dei talenti 2.0
Una rubrica FOI

rubrica oratorio ridotta

No balconear 
Rubrica ispirata al/dal Papa
 

lostintranslation 1

Sulle spalle... 
dei giganti

giganti

Temi di PU 
(pastorale universitaria)

temi di PU

rubriche

 Il Vangelo
del giorno
(Monastero di Bose)

Lezionario 1

Storia "artistica"
della salvezza 

agnolo bronzino discesa di cristo al limbo 1552 dettaglio2

I cammini 
Una proposta-esperienza
per i giovani
e materiali utili

vie

Bellezza, arte 
e PG
(e lettere dal mondo)

arteepg

Etty Hillesum 
una spiritualità
per i giovani

 Etty

Semi di
spiritualità
Il senso nei frammenti

spighe

 

Società, giovani 
e ragazzi
Aspetti socio-psico-pedagogici  

ragazziegiovani

LIVE

Contattaci

Note di pastorale giovanile
via Marsala 42
00185 Roma

Telefono: 06 49 40 442

Fax: 06 44 63 614

Email

Il numero di NPG 
in corso
Dicembre 2018

400 dic 18

Il numero di NPG 
precedente
Novembre 2018

NPG novembre 2018

Post It

1. In homepage materiali relativi alla prossima GMG di Panama

2. Solo per il sito (e a scadenze ravvicinate) una rubrica di grande interesse pastorale: «GIOVANI NEL DIGITALE. Esercizi di discernimento». Pubblicati i primi quattro articoli, in html e in pdf

3. In allestimento la Newsletter di gennaio, con il dossier e la Newsletter su EDUCARE ALLE VIRTÙ

4. Sul sito, il più completo RAPPORTO SUL SINODO esistente on line

5. Stiamo inserendo - nella rubrica I LIBRI di NPG - quelli relativi alla collana "Pastorale giovanile e animazione"

Le ANNATE di NPG 
1967-2019 

annateNPG

I DOSSIER di NPG 
(dall'ultimo ai primi) 
 

dossier

Le RUBRICHE NPG 
(in ordine alfabetico)
Alcune ancora da completare 
 

Rubriche

Gli AUTORI di NPG
ieri e oggi 

pennapennino

Gli EDITORIALI NPG 
1967-2019 

editorialeRIDOTTO

INDICI NPG
50 ANNI
 
Voci tematiche - Autori - Dossier

search

VOCI TEMATICHE 
di NPG
(in ordine alfabetico) 
 

dizionario

I LIBRI di NPG 
Giovani e ragazzi,
educazione, pastorale
 

libriNPG

I «QUADERNI» 
dell'animatore

quaderni

 

Alcuni PERCORSI 
educativo-pastorali in NPG
 

percorsi

I SEMPREVERDI 
I migliori DOSSIER di NPG 
 

vite N1

NOTE'S GRAFFITI 
Materiali di lavoro
con gruppi di ragazzi e adolescenti 
 

medium

Di animazione,
animatori
e altre questioni
NPG e «animazione culturale»

animatori

Sussidi e materiali 
x l'animatore in gruppo 
 

cassetta

webtvpic

SOCIAL AREA

 
socialareaok2 r1_c1_s1 socialareaok2 r1_c2_s1 socialareaok2 r1_c3_s1 socialareaok2 r1_c4_s1