«Educare l’amore»: uno strumento di lavoro per i gruppi giovanili

Inserito in NPG annata 1983.


Mario Comoglio

(NPG 1983-10-39)

 

In un numero precedente della rivista (NPG 1983/8, pp. 37-39) ho presentato linee di riflessione e indicazioni «educative» per un intervento pastorale su una esperienza indubbiamente forte per i giovani: l’amore. Volendo ora essere più concreto propongo alcune esemplificazioni estratte dal sussidio appena pubblicato: Scoprire l'amore, Elle Di Ci, Leumann-Torino. Un sussidio è uno strumento e come tale non può essere valido per tutte le situazioni. L’animatore dovrà pertanto valutare antecedentemente la possibile efficacia, studiare una mediazione, sapersi adeguare al metodo, evidenziare le eventuali difficoltà che può incontrare, disporsi ad una attenta preparazione degli argomenti che deve affrontare, cogliere i limiti e trovare i necessari completamenti. Il fascicolo n. 6 del sussidio presenta la metodologia d’uso e le scelte operate per elaborarlo. Qui, senza entrare in tutti i dettagli offro una panoramica molto generale e complementare a quanto là è riportato.

pdf