NPG: Invito

all'abbonamento e

 programmazione 2019 


Con il numero di dicembre gli abbonati riceveranno il ccp con l'invito al rinnovo dell'abbonamento
Confidiamo nella loro amicizia, per poter continuare con un servizio sempre più competente e ricco.
Lo stesso proponiamo anche ai visitatori di questo sito, che possono fin d'ora usufruire GRATUITAMENTE di quanto offerto on line per il loro lavoro pastorale o studio.
Una cortese proposta: perché non "regalare" o suggerire il regalo dell'abbonamento ad amici possibilmente interessati? È certamente un regalo duraturo, intelligente, utile... A buon intenditor... 

Qui sotto la programmazione per il prossimo anno con i dati utili... con l'impegno di proseguire sui sentieri indicati dal Sinodo appena concluso...  

IV NPG novembre 2018

* * * * *

 

COP Lettera pastorale Napolioni

Gesù per le strade vorrei te cantar,
Gesù, la tua vita al mondo annunciare vorrei,
solo tu sei la vita, la pace e l’amor,
Gesù per le strade vorrei te cantar!

Gesù, per le strade vorrei te lodar...

Gesù, per le strade vorrei te servir...

È un canto antico e giovanissimo, di chi scelse di vivere nel deserto e tra i poveri la comunione con Gesù, gridando il Vangelo con la vita, facendo la pastorale silenziosa e nascosta del giovane falegname di Nazareth. Come il Beato Charles de Foucauld, Carlo Carretto, i Piccoli Fratelli e le Piccole Sorelle di Gesù… Chiesa di Cremona, i tuoi giovani ti chiamano a cantare e camminare, così.
Il Sinodo dei giovani ci spinge, in avanti, con forza… come l’amore-carità di Cristo, che nel cuore degli uomini urge come esigenza insopprimibile (2Cor 5,14). Ci faccia “prendere il largo”, come ci chiedeva San Giovanni Paolo II all’inizio del millennio.

Sommario

Per ripartire
1 Per le strade... dei giovani
2 Per le strade... della fede
3 Per le strade... della Chiesa
4 Per le strade... dell’amore
5 Per le strade... della vita
6 Per le strade... del mondo
Almeno tre passi
Con le parole di Giovanni

Il testo PDF

Appunti per leggere la Lettera (dal sito PG della Diocesi)

 

L'avvento,

uno squarcio

aperto sul futuro

Emanuele Borsotti - Bose

LUCE
È splendore d’acero,
l’autunno inoltrato
se tu ritorni a riguardare
è lì ogni anno, questa è la stagione
eppure non è il tempo che ritorna
piuttosto muove e avanza
a cerchi concentrici
rimpicciolendosi il raggio
più vicino alla meta
non è il tempo che torna
ma l’amore.
(D. Ciardi, Preludio d’avvento)

«Date l’annunzio ai popoli: Ecco, Dio viene, il nostro Salvatore» (Liturgia delle Ore, I domenica di Avvento, Primi Vespri, I antifona). Il tempo dell’Avvento è tutto impregnato di questo «venire», del «venire» di Dio, che è sempre un «avvenire»: una «venuta» che è «avvenimento», evento che segna l’irrompere di Dio nella storia, del Dio che viene incontro all’uomo; una venuta che è anche «avvenire», cioè apertura di un futuro, uno squarcio aperto su un orizzonte futuro, «a venire».
E questo «venire» risuona come cantus firmus nella liturgia di questo tempo liturgico, e si coniuga secondo prospettive diverse, ma tutte convergenti e complementari.
Vi è innanzitutto l’annuncio profetico del «venire» di Dio, un annuncio che risuona all’indicativo, come evento reale e presente: «Viene tra noi Cristo, nostro Re, l’Agnello annunziato da Giovanni» (Liturgia delle Ore, I domenica di Avvento, Secondi Vespri, II antifona.), come buona notizia di una «visitazione» che è già avvenuta in un momento del passato, ma i cui effetti permangono nell’«oggi» della Chiesa: «Dio ha visitato il suo popolo» (Lc 7,16).

 

NPG novembre 2018

NPG novembre 2018


Editoriale

Affrontiamo la bestia dell'azzardo! Offrendo ai giovani ragioni di vita e di speranza (Rossano Sala) 


DOSSIER

NOI NON CI AZZARDIAMO

A cura di Alessandra Smerilli 

INTRODUZIONE

Alessandra Smerilli 

1. PARTE PRIMA: L'ANALISI DEL FENOMENO

- I numeri del fenomeno dell'azzardo in Italia (Vittorio Pelligra - Gabriele Mandolesi)

- Sistema dell'azzardo come caso politico (Carlo Cefaloni)

Le cause culturali (Luigino Bruni)

- Azzardo e adolescenti: una ricerca (Simone Feder)

 

L'editoriale del Direttore

Affrontiamo la bestia

dell’azzardo!

Offrendo ai giovani ragioni di vita e di speranza

Rossano Sala

(NPG 2018-07-2)

azzardo
Il Dossier di questo mese di novembre non avrei mai desiderato commissionarlo e non avrei mai voluto pubblicarlo. Ma il confronto con la realtà è ineludibile per la pastorale e per l’educazione. E non possiamo fare a meno, come si usa dire, di prendere il toro per le corna: purtroppo è un tema, quello del gioco d’azzardo – si manifesta in tante forme e provoca molti danni –, che va affrontato con coraggio e decisione, senza nasconderci sotto la sabbia. E senza far finta di niente, pensando che non esista o non ci tocchi. La cosa è più grave del previsto: la ludopatia è uno dei nuovi nomi della bestia dell’Apocalisse, che ci sta portando via tanti, troppi giovani. Una bestia che seduce tutti gli abitanti della terra, chiede adorazione e rende molti schiavi (cfr. Ap 13,11-17). Una forza bruta sta privando tanti giovani della vita buona, della vita degna, della vita giusta e della vita vera.
Il gruppo di Redazione della Rivista, che cerca di riflettere e di approfondire le questioni che possono più di altre interessare la pratica pastorale, ha più volte sollevato questo problema della ludopatia, e abbiamo chiesto ad un gruppo di esperti di aiutarci a riflettere in profondità su questo fenomeno e ad aiutare tutti gli operatori pastorali a mettere in campo antidoti per guarire da questa malattia molto contagiosa.
Il gioco, in tutte le sue forme, è ciò che da sempre caratterizza la buona umanità dell’uomo: in casa, con i propri fratelli e sorelle, il gioco ci insegna fin da piccoli a vivere in buona relazione, esprimendo la nostra creatività attraverso una sana competizione e una corretta rivalità; in oratorio si cresce giocando, assumendo la disciplina di squadra e facendo della lealtà una forma di vita buona; nell’adolescenza lo sport diventa per molti un modo sano per vivere una corretta relazionalità in un tempo non facile da gestire per tanti motivi; nella vita dei giovani è espressione del proprio carattere e della propria forza, tanto che sono loro a giungere a detenere i traguardi più alti e i record più imbattibili; nella vita adulta lo sport è un modo tutto speciale di esprimersi, di vivere la relazione di gruppo e di scaricare la propria tensione; anche nella vita degli anziani lo sport e il gioco stanno diventando sempre di più motivo per fare comunità, condividendo gioia e serenità.

 

Lottiamo insieme...

possiamo facerla

Stephen Hawking (1942-2018)

sh

Ho avuto una vita straordinaria su questo pianeta, al contempo attraversando l'intero universo con la mia mente e le leggi della fisica. Sono arrivato agli estremi confini della galassia, ho viaggiato in un buco nero e sono tornato indietro fino all'inizio del tempo. Sulla Terra, ho visto alti e bassi, turbolenze e tranquillità, successo e sofferenza. Sono stato ricco e povero, fisicamente abile e disabile. Sono stato lodato e criticato, ma mai ignorato. Grazie al mio lavoro, ho avuto l'enorme privilegio di contribuire alla comprensione dell'universo. Ma l'universo sarebbe vuoto se non fosse per le persone che amo e che mí amano: senza di loro, ai miei occhi tutta la sua meraviglia perderebbe di significato.
Alla fine di tutto, íl fatto che noi umani, che siamo dei semplici insiemi di particelle fondamentali della natura, siamo stati ín grado di giungere a una comprensione delle leggi che governano noi e il nostro universo, rappresenta uno straordinario trionfo. E sono lieto di condividere la mia eccitazione e il mio entusiasmo per questi importanti traguardi.
Spero che un giorno troveremo le risposte a tutte le nostre domande. Ci sono infatti altre sfide, altri grandi interrogativi ancora irrisolti riguardo al nostro pianeta, che dovranno essere affrontati dalle future generazioni di uomini e donne che vorranno dedicarsi con passione alla ricerca scientifica.
Come riusciremo a nutrire una popolazione mondiale sempre più numerosa? A fornirle acqua potabile, a produrre energia rinnovabile, a prevenire e curare le malattie e a rallentare il cambiamento climatico globale? Mi auguro che la scienza e la tecnologia ci forniranno le risposte a queste ulteriori domande, ma per implementare le soluzioni non si potrà fare a meno degli esseri umani, con le loro conoscenze e la loro capacità dí comprendere il reale. Lottiamo perché ogni donna e ogni uomo possano vivere delle vite sane e sicure, piene di opportunità e di amore. Siamo tutti viaggiatori del tempo, incamminati verso il futuro, ma dobbiamo lavorare insieme per rendere quel futuro un posto piacevole da abitare.
Siate coraggiosi, curiosi e determinati, anche quando le condizioni giocano a vostro sfavore. Potete farcela!

(Le mie risposte alle grandi domande, Rizzoli 2018, pp. 33-34)

 

100 citazioni TOP

udite al Sinodo sui giovani

Jonathan Lewis

Giovane uditore al Sinodo

Jonathan
Per un mese mi sono seduto appollaiato su in alto nelle poltrone rosso-sangue (-da-naso!) dell'aula sinodale riservata agli uditori, o partecipanti laici, del Sinodo su "I giovani, la fede e il discernimento vocazionale". Esse davano proprio su Papa Francesco e sulle centinaia di vescovi, sacerdoti e laici che hanno partecipato al Sinodo. Ogni giorno ci siamo seduti per ore ad ascoltare interventi di quattro minuti, uno per ogni persona nella sala.
Mentre l'équipe di lavoro del Sinodo ha incorporato molte di queste idee nel documento finale, io ho voluto condividere alcune frasi udite che ho scarabocchiato sul mio taccuino. Tali "citazioni" sono qui ora condivise in forma anonima, poiché ci è stato chiesto di rispettare la privacy del Sinodo, che Papa Francesco ha descritto come "lo spazio protetto dove agisce lo Spirito Santo".

Ascolto e discernimento
1. Siamo qui per dimostrare che i giovani fanno bene a impegnarsi nella chiesa, e che la chiesa "vale la pena".
2. Abbiamo bisogno di sforzi pratici, non di documenti inutili.
3. Se non sono d'accordo con qualcuno, devo ascoltare più attentamente.
4. Il discernimento non è uno slogan o una tecnica per l'amministrazione, è un atteggiamento e un atto di fede.
5. La Chiesa dev’essere per prima un modello di discernimento prima che i giovani possano fare discernimento nelle proprie vite.
6. Dobbiamo passare da una cura pastorale per i giovani ad una cura pastorale con i giovani.
7. Maggiore partecipazione sinodale nella Chiesa non significa democratizzazione della Chiesa.
8. L'ascolto non mette in pericolo la dottrina; la avvicina e la rende più comprensibile.
9. Abbiamo bisogno di una rivoluzione di tenerezza che educa il cuore. 

I vescovi e la Chiesa
10. Abbiamo paura di vedere le nostre stesse ferite.
11. Le nostre istituzioni hanno bisogno della voce profetica dei giovani.
12. Abbiamo bisogno di conversione istituzionale, perché la maggior parte delle parrocchie non sono adatte ai giovani.
13. I giovani si sono stancati della burocrazia nella chiesa e sono andati altrove, dove hanno accesso.

Newsletter
Dicembre 2018
NLdic18

Verso Panama 
XXXIV GMG
  

logo panama

Sinodo sui giovani 
Un osservatorio
Commenti. riflessioni, proposte  

logo-SINODO-GIOVANI-colori-295x300

Giovani 
nel digitale
Esercizi di discernimento  

iphone mano

Newsletter NPG



Ricevi HTML?

invetrina2

Laboratorio
dei talenti 2.0
Una rubrica FOI

rubrica oratorio ridotta

No balconear 
Rubrica ispirata al/dal Papa
 

lostintranslation 1

Sulle spalle... 
dei giganti

giganti

Temi di PU 
(pastorale universitaria)

temi di PU

rubriche

 Il Vangelo
del giorno
(Monastero di Bose)

Lezionario 1

Storia "artistica"
della salvezza 

agnolo bronzino discesa di cristo al limbo 1552 dettaglio2

I cammini 
Una proposta-esperienza
per i giovani
e materiali utili

vie

Bellezza, arte 
e PG
(e lettere dal mondo)

arteepg

Etty Hillesum 
una spiritualità
per i giovani

 Etty

Semi di
spiritualità
Il senso nei frammenti

spighe

 

Società, giovani 
e ragazzi
Aspetti socio-psico-pedagogici  

ragazziegiovani

Margherita Pirri: Un giorno di maggio

LIVE

Contattaci

Note di pastorale giovanile
via Marsala 42
00185 Roma

Telefono: 06 49 40 442

Fax: 06 44 63 614

Email

Il numero di NPG 
in corso
Dicembre 2018

400 dic 18

Il numero di NPG 
precedente
Novembre 2018

NPG novembre 2018

Post It

1. In spedizione e on line la Newsletter di dicembre, con il dossier sulla SCUOLA e la Via Amerina come cammino proposto e "commentato"

2. Sul sito, il più completo RAPPORTO SUL SINODO esistente on line

3. In homepage materiali relativi alla prossima GMG di Panama

4. Abbiamo inserito nel sito tutta l'annata NPG del 2014. Ecco la ragione per cui tra gli "ultimi articoli inseriti" compaiono anche scritti di quell'anno

Le ANNATE di NPG 
1967-2019 

annateNPG

I DOSSIER di NPG 
(dall'ultimo ai primi) 
 

dossier

Le RUBRICHE NPG 
(in ordine alfabetico)
Alcune ancora da completare 
 

Rubriche

Gli AUTORI di NPG
ieri e oggi 

pennapennino

Gli EDITORIALI NPG 
1967-2019 

editorialeRIDOTTO

INDICI NPG
50 ANNI
 
Voci tematiche - Autori - Dossier

search

VOCI TEMATICHE 
di NPG
(in ordine alfabetico) 
 

dizionario

I LIBRI di NPG 
Giovani e ragazzi,
educazione, pastorale
 

libriNPG

I «QUADERNI» 
dell'animatore

quaderni

 

Alcuni PERCORSI 
educativo-pastorali in NPG
 

percorsi

I SEMPREVERDI 
I migliori DOSSIER di NPG 
 

vite N1

NOTE'S GRAFFITI 
Materiali di lavoro
con gruppi di ragazzi e adolescenti 
 

medium

Di animazione,
animatori
e altre questioni
NPG e «animazione culturale»

animatori

Sussidi e materiali 
x l'animatore in gruppo 
 

cassetta

webtvpic

SOCIAL AREA

 
socialareaok2 r1_c1_s1 socialareaok2 r1_c2_s1 socialareaok2 r1_c3_s1 socialareaok2 r1_c4_s1

NPG Facebook

NPG Twitter

sitica1